…”C’è troppa incertezza sull’effettiva portata di questo problema, ma è più diffuso di certi altri disturbi dello sviluppo neurologico che ricevono più attenzione, come ad esempio i disturbi dello spettro autistico”.
L’indagine ha mostrato che il 55% delle famiglie intervistate aveva aspettato due anni o più per una diagnosi di FASD, e il 78% riteneva che gli operatori sanitari non avessero una conoscenza di base della condizione…

AUTORE

Vladimir Fiasiun

CATEGORIA

In Evidenza, News

POSTATO IL

7 Ottobre 2020

SOCIAL

Vladimir Fiasiun

Un quarto dei bambini adottati nel Regno Unito colpiti dal consumo di alcol durante la gravidanza

Secondo un’indagine condotta da Adoption UK il 17% dei bambini adottati in Inghilterra potrebbe avere un Disturbo dello spettro fetale alcolico.
Secondo una recente indagine condotta su quasi 5.000 genitori adottivi nel Regno Unito, a un bambino adottato su quattro viene diagnosticata o si sospetta una serie di disturbi causati dal consumo di alcol in gravidanza.

Tra i genitori adottivi intervistati dalla fondazione di beneficenza Adoption UK, l’8% dei bambini ha avuto una diagnosi, e un ulteriore 17% è stato sospettato di avere un Disturbo dello spettro fetale alcolico (FASD), la condizione dello sviluppo neurologico caratterizzata da difficoltà nel controllo degli impulsi, oltre che da difficoltà comportamentali e di apprendimento.

Maria Catterick, il direttore del FASD Network UK, ha indicato che le statistiche non sorprendono, dato che l’alcol, la droga e la violenza domestica sono le ragioni principali per cui i bambini vengono inseriti nel sistema di assistenza.
L’incidenza complessiva della FASD nel Regno Unito non è chiara con stime ad ampio raggio, anche se alcuni ricercatori suggeriscono che sia compresa tra il 3 e il 5%. Al contrario, il disturbo dello spettro autistico colpisce circa l’1,1% della popolazione, secondo la National Autistic Society.

“A mio parere, il 3-5% è un limite inferiore per la prevalenza della FASD nel Regno Unito”, ha detto la dott.ssa Luisa Zuccolo, dell’Università di Bristol, che studia gli effetti dell’esposizione prenatale all’alcol.

“C’è troppa incertezza sull’effettiva portata di questo problema, ma è più diffuso di certi altri disturbi dello sviluppo neurologico che ricevono più attenzione, come ad esempio i disturbi dello spettro autistico”.
L’indagine ha mostrato che il 55% delle famiglie intervistate aveva aspettato due anni o più per una diagnosi di FASD, e il 78% riteneva che gli operatori sanitari non avessero una conoscenza di base della condizione.

Il rapporto arriva in un momento in cui l’Istituto Nazionale per l’Eccellenza della Salute e della Cura (NICE) sta prendendo in considerazione le linee guida per registrare il consumo di alcol da parte delle donne incinte sulla cartella clinica del loro bambino in Inghilterra.

Gli enti di beneficenza per la gravidanza sono critici nei confronti del piano del NICE, in quanto non rispetterebbe le norme sulla protezione dei dati, mentre i sostenitori sottolineano che il diritto del bambino alla diagnosi e al sostegno è fondamentale. In Scozia, questa politica è stata attuata e “nessuno ha fatto storie”, ha aggiunto Catterick.

“Ho centinaia di famiglie [in Inghilterra] che non otterranno mai una diagnosi e l’aiuto di cui il bambino ha bisogno perché non c’è nessuna informazione scritta del consumo di alcolici”, ha detto. “Non sto dicendo che dovremmo violare la privacy delle donne… ma credo anche nel diritto del bambino ad avere il miglior inizio di vita”.

Mentre il consumo di più di 1-2 unità di alcol al giorno è stato collegato al minor peso alla nascita e ai parti prematuri, la ricerca sugli effetti di un più ridotto consumo di alcol in gravidanza è difficile da interpretare. Un rapporto del 2016 dei Chief Medical Officers del Regno Unito ha indicato che i rischi sono probabilmente bassi, ma ha concluso che è più sicuro evitare di consumare alcolici in gravidanza.

NICE sottolinea che non è stato riscontrato un livello sicuro di consumo di alcol durante la gravidanza.

Fonte: The Guardian

Iscriviti & Riceverai info aggiornate

Tieniti aggiornato sulla D.E.F.A.D. e su tutte le attività dell’associazione

Saremo molto accorti nell’utilizzo della tua email. Non la daremo mai a nessun’altro.